Cannabis social club e coffe shop in città: a Milano si firma per liberalizzare la marijuana

Cannabis social club e coffe shop in città: a Milano si firma per liberalizzare la marijuana

Milano è stata la prima città ad ospitare banchetti per raccogliere le firme a favore di una legge di iniziativa popolare che chiede la liberalizzazione della marijuana. Tutti i dettagli..

Milano, firme per liberalizzare la marijuana: sì a coffe shop e social club

Un modo per distruggere il mercato nero e illegale, che fattura qualcosa come sette miliardi di euro all’anno. Una strada alternativa a quella della repressione, che – per ammissione della direzione nazionale antimafia – ha fallito su tutta la linea. E, perché no, l’occasione per ascoltare gran parte degli italiani, che – come mostra un sondaggio Ipsos pubblic affairs del 2015 – è ormai pronta a compiere il grande passo.

Hanno studiato tutto nei minimi dettagli e hanno presentato una proposta altrettanto dettagliata le ragazze e i ragazzi di “Legalizziamo”, il gruppo che da mercoledì mattina ha dato il via alla raccolta firme per presentare in Parlamento la propria proposta di legge di iniziativa popolare per chiedere la legalizzazione e la regolamentazione del consumo e della vendita di marijuana.

Il perché di questa idea è presto detto: “Contro il mercato nero – lo slogan di Legalizziamo – ci vuole un mercato legale”. Anche perché non sono pochi – anzi, sono quattro milioni nell’ultimo anno – gli italiani che hanno consumato cannabis almeno una volta, accrescendo – di fatto – il mercato nero dello spaccio.

La prima città italiana ad aprire le porte ai banchetti di Legalizziamo è stata Milano – poi toccherà a Roma, Parma ed altre -, con piazza San Babila che, dalle 12, ha accolto anche il candidato sindaco dei Radicali, Marco Cappato, impegnato nella raccolta firme. I promotori dell’iniziativa, “Associazione Luca Coscioni” e gli stessi Radicali, hanno accolto i firmatari al banchetto e ai gruppi più numerosi hanno regalato simpatici gadget.

Di scherzoso nelle intenzioni di tutti, però, c’è ben poco. La proposta di legge è ben strutturata – diciotto articoli, con diversi commi – e offre qualche novità anche rispetto all’opera finora svolta dal gruppo interparlamentare che si batte per la legalizzazione della cannabis.

L’articolo 3, al comma 1, prevede ad esempio che “Qualsiasi persona maggiorenne può coltivare liberamente in forma individuale, senza bisogno di autorizzazione, sino a cinque piante femmina di cannabis. Il produttore può detenere le piante e il prodotto da esse ottenuto per uso personale. Il coltivatore non può svolgere con la cannabis così prodotta e detenuta e con i suoi derivati, attività di lucro”.

La stessa legge di iniziativa popolare, poi, punta ad introdurre in Italia i “cannabis social club”, già molto diffusi in alcune città spagnole. All’articolo 5 si legge, infatti, “Qualsiasi persona maggiorenne può coltivare legalmente in forma associata, ai sensi del titolo II del libro primo del codice civile, piante di cannabis femmina. Nel caso in cui la coltivazione avvenga all’aperto essa deve essere effettuata esclusivamente in base ai principi dell’attività agricola biologica. Le associazioni hanno lo scopo esclusivo della coltivazione di cannabis, la detenzione e l’uso dei prodotti da essa ottenuti per il consumo personale degli associati. Le associazioni – specifica il comma 2 – sono composte di un numero massimo di cento associati. La cannabis e i suoi derivati non possono essere venduti ottenendo un prezzo in denaro o ceduta in cambio di altre e diverse utilità”.

E non è tutto. Perché la sorpresa, la novità, più grande riguarda proprio il commercio con “Liberalizziamo” che vorrebbe importare in Italia una sorta di “copia” del coffe shop di stampo olandese. “Il commercio all’ingrosso e la vendita al dettaglio della cannabis e dei suoi derivati é legale”, chiarisce l’articolo 7. “Gli enti locali – specifica l’articolo successivo -, di concerto con l’amministrazione centrale, individuano luoghi nei quali è consentito l’esercizio dell’attività di vendita al dettaglio della cannabis e dei suoi derivati. I luoghi non possono essere individuati in prossimità di edifici scolastici”.

Ci sarebbe, però, una sostanziale differenza con i coffe shop più famosi al mondo, quelli di Amsterdam. “La grande diversità – spiega a MilanoTodayMarco Cappato – è che questi coffe shop comprerebbero cannabis prodotta legalmente dallo Stato”, escludendo così del tutto la criminalità dal ciclo di produzione e vendita.

E “Legalizziamo” ha già pensato anche al dopo. I nuovi introiti derivati dalla tassazione – si legge nella loro proposta – serviranno “a sostegno dell’economia, per la riduzione del debito pubblico” e per “campagne informativi e sociali”.

 

Sorgente: Cannabis social club e coffe shop in città: a Milano si firma per liberalizzare la marijuana

Condividi questo post


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: