Le 10 cose che non sapevate su Pablo Escobar

Le 10 cose che non sapevate su Pablo Escobar

1 – FURTO DI LAPIDI  
La sua carriera criminale iniziò quando era adolescente. Si dedicava al furto di lapidi, poi passò a quello di automobili e al contrabbando di elettrodomestici. Prima del grande salto nel mondo del narcotraffico. 

2 – ELASTICI DA 2500 DOLLARI  
Spendeva 2500 dollari al mese per acquistare elastici con cui avvolgere le mazzette di contanti. 

3 – IL GIORNO IN CUI BRUCIO’ DUE MILIONI  
Si racconta che quando era latitante nelle montagne colombiane bruciò due milioni di dollari di banconote per riscaldare la figlia dal freddo della notte. 

4 – NELLA CLASSIFICA FORBES  
Nel 1998 Forbes lo inserì al sesto posto nella classifica degli uomini più ricchidel mondo, con un patrimonio di 25 miliardi di dollari.  

5 – IL DENARO MANGIATO DAI TOPI  
Il denaro del cartello di Medellin era conservato in fattorie e cantine. Si calcola che un miliardo all’anno venisse perso a causa dei topi e dell’umidità che danneggiavano le banconote. 

6 – ESCOBAR IL “BENEFATTORE”  
Si offrì di pagare il debito estero colombiano – stimato in 10 miliardi di dollari – per evitare l’estradizione negli Stati Uniti d’America. 

7 – UNA FORTUNA INCALCOLABILE  
Nonostante un calcolo ufficiale sia impossibile, si ritiene che in tutta la vita accumulò un patrimonio di oltre 30 miliardi di dollari. Arrivò a trafficare 15 tonnellate di cocaina al giorno: 8 dei 10 chili che arrivavano negli Usa erano suoi. 

8 – L’EDEN CON IPPOPOTAMI E LEONI  
Uno zoo privato con ippopotami, giraffe, leoni, elefanti e altre 1500 specie. L’“Hacienda Napoles”, costruita nella località di Puerto Triunfo, era un paradiso di 5mila ettari dove Escobar andava “in vacanza”. All’ingresso c’era il velivolo utilizzato per la prima consegna di droga negli Usa. 

9 – LA LUNGA SCIA DI SANGUE  
Secondo i calcoli ufficiali, in vent’anni di carriera criminale, fece uccidere oltre 4mila persone. Fra loro un candidato presidente, più di 200 giudici, migliaia di poliziotti e decine di giornalisti. 

10 – LA PASSIONE PER I MOTORI  
Amava il mondo dei motori e si mise al volante in più di un’occasione. Quando era giovane partecipò a diverse competizioni automobilistiche. 

Condividi questo post


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: